Natale 2017

junno. w.app NATALE 2017

Junno. Piccolo Festival del Rione | Natale 2017

sabato 23 e venerdì 29 dicembre

Monte Sant’Angelo, Largo Totila n. 12

 

 

Per Natale torna “Junno. Piccolo Festival del Rione” e sarà tutto dedicato ai bambini.

La prima esperienza, che inaugura 4 incontri che si svolgeranno in 2 giornata, è un laboratorio di scrittura creativa dedicato ai bambini dai 5 ai 10 anni che si terrà sabato 23 dicembre dalle ore 10.30 alle 12.45. Durante questo laboratorio i bambini saranno guidati nella scrittura di una poesia per il natale

Nel pomeriggio di sabato 23 dicembre, dalle ore 15.30 alle ore 17.45 si terrà il secondo degli appuntamenti con letture animate per bambini dai 5 ai 10 anni, “Leggiamo il Natale”.

 

La terza esperienza si terrà venerdì 29 dicembre dalle ore 10.30 alle ore 12.45. Durante questo laboratorio i bambini saranno guidati nella scrittura di una poesia per il nuovo anno.

Mentre nel pomeriggio ci saranno letture animate dedicate all’anno che verrà.

 

I laboratori di scrittura creativa e le letture animate sono ideati e condotti dal poeta Raffaele Niro in collaborazione con l’artista Stefania Guerra.

Junno. Piccolo Festival del Rione è organizzato dall’Associazione Culturale Rhymers’ Club per mezzo del Festival DauniaPoesia, in collaborazione con il Presidio del Libro di San Severo e l’Associazione Culturale “C’era una volta…”; l’iniziativa promossa dalla Regione Puglia, Assessorato all’Industria Turistica e Culturale, in collaborazione con l’Associazione Presìdi del Libro.

 

 

°°°

 

Raffaele Niro

Raffaele Niro è nato a San Severo (Fg) nel 1973.

Ha pubblicato L’attesa del padre (Transeuropa, 2016); Lingua di terra (La Vita Felice, 2013); Carte d’identità (Sentieri Meridiani, 2011); Cartacanta (Edizioni M. Di Salvo, 2009); Vuoti a rendere (Edizioni Rhymers’ Club, 2006).

Sue poesie sono tradotte in Austria, Cile, Messico, Nicaragua e Spagna.

Per la narrativa è coautore di Inchiostro di Puglia (Caracò, 2015, postfazione di Nicola Lagioia), de I fuggiaschi (Stilo, 2013, prefazione di Franco Arminio), di Babel Hotel (Infinito, 2011, prefazione di Gian Antonio Stella) e di Rondini e ronde (Mangrovie, 2010, prefazione di Jean-Léonard Touadi).

Ha curato l’antologia Sotto il più largo cielo del mondo. Trenta poeti dauni con Canio Mancuso (Besa, I quaderni dell’Orsa, 2016).

Per il teatro ha scritto Acqua, la cui prima teatrale è andata in scena nel 2001 al Teatro “E. De Filippo” di Roma per la regia di Barbara Bagnini; lo spettacolo di narrazione Ed ora ammazzateci tutti – omaggio a Peppino Impastato; lo spettacolo di narrazione I piedi al muro. Una donna saharawi.
È presente su antologie, riviste e siti online italiani e stranieri, nel censimento della poesia italiana under 40 di PordenoneLegge e in tutte le ultime antologie della poesia pugliese dell’ultimo secolo [Letteratura del Novecento in Puglia. 1970-2008 a cura di E. Catalano, (ed. Progedit, 2009); A sud del sud dei santi. Sinopsie, immagini e forme della Puglia poetica. Cento anni di storia letteraria a cura di M. Zizzi, (ed. Lietocolle, 2013); Verso levante. Un secolo di poesia pugliese (1913-2013) a cura di F. S. Lattarulo, (ed. Stilo, 2014)].

È tra gli esponenti più interessanti della videopoesia in Italia.

Dirige la collana di narrativa “Sud Aria” per la casa editrice “Terra d’ulivi” di Lecce.

È ideatore e direttore artistico del festival DauniaPoesia.

Sito internet: raffaeleniro.wordpress.com

 

 

 

Stefania Guerra

Stefania Guerra, giovane artista nata a Busto Arsizio è montesantangiolina di origini e temperamento. Diplomata e specializzata all’Accademia di Belle Arti, ha al suo attivo diverse mostre collettive e personali. Da sempre la sua ricerca artistica ruota attorno alla parola intesa come anima mundi.
Scrive favole per adulti e bambini accarezzando la carta con il vino e inviando input controcorrente alla storia dei nostri giorni e ai nostri primitivi sogni.

 

 

 

 

Annunci

Festa dei Lettori 2017 | SconfinaMenti

LOCANDINA FDL 2017

FESTA DEI LETTORI 2017 – SCONFINAmenti

San Giovanni Rotondo – San Severo – Monte Sant’Angelo

Dal 23 settembre al 2 ottobre, torna la Festa dei lettori, la rassegna diffusa che prevede contemporaneamente in 65 città italiane più di 100 eventi culturali sulla promozione della lettura, tra presentazioni di libri, reading, concerti, letture collettive, mostre fotografiche tematiche, spettacoli teatrali, laboratori e conversazioni in musica.

La Puglia, sede dell’Associazione nazionale Presìdi del Libro, ospiterà le manifestazioni in 50 comuni sparsi su tutto il territorio regionale. Gli appuntamenti fuori regione sono organizzati invece dai Presìdi delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Toscana, Trentino Alto-Adige e Veneto.

Il titolo della tredicesima edizione è SconfinaMenti, per alludere alla possibilità della mente, attraverso la lettura, di andare oltre i consueti orizzonti. È un tema ampio che racchiude in sé tutte quelle pagine che, a vario titolo, incrociano più questioni: dalla tradizione alla letteratura del paesaggio, dalla letteratura dei migranti a quella fiabesca dei più piccoli, dai reportage di guerra alle auto fiction.

Questo di seguito è il programma che i Presidi di San Giovanni Rotondo e San Severo, congiuntamente, presentano per la FESTA DEI LETTORI.

26 SETTEMBRE 2017 ore 10.30 – SAN GIOVANNI ROTONDO – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “NEL NOME DI IERI” DI GIUSEPPE CRISTALDI (BESA, 2016) (VINCITORE DELLA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO DEI PRESIDI DEL LIBRO). INCONTRO CON GLI STUDENTI DEL LICEO “MARIA IMMACOLATA”.

26 SETTEMBRE 2017 ore 19.00 – SAN GIOVANNI ROTONDO – INCONTRO CON GIUSEPPE CRISTALDI PRESSO L’ASSOCIAZIONE PROVO.CULT

Nel nome di ieri, il romanzo di Giuseppe Cristalli, è il libro vincitore della prima edizione del Premio Presidi del libro.

Il destino che t’ingoia il futuro a un giro di curva, una lingua d’asfalto fatta di granuli di catrame che litigano fra loro e inciampano nei tuoi sogni, distruggendoli: nato in una pizzeria di provincia, fra temporali di farina e tovaglie scozzesi, l’amore di Claudia e Sciffì si addormenta per sempre sulla curva della morte fra Matino e Taviano, dove la ragazza perde la vita in un incidente stradale. Da quel momento, per Sciffì, la lotta contro il dolore diventerà lotta contro lo scorrere del tempo e il suo potere di cancellare le cose. Perché i ricordi stanno sulla rampa di un macello, come bovini sfiancati, e attendono giusto un oblio, un varco, per cadere nelle macine del tempo. Ma Sciffì quei ricordi li riprende ogni volta, li tira per i capelli, fuori dal macello, fuori dall’oblio, li ripesca da quelle tasche della memoria che hanno buchi nascosti, da cui tutto scivola via. Fino a che il recupero dei ricordi diventa lievito di una nuova sfida per il futuro.

Nel nome di ieri è una storia che narra di genti che stanno dietro le quinte della vita, con le mani terrose e il cuore di viticci, una storia di disperazioni raccontate attraverso l’umiltà e un minimalismo di atti, sillabe, silenzi, fin dentro l’anima profonda di un Salento chino sui filari come sulla propria nudità meridionale.

 

Giuseppe Cristaldi è nato nel 1983 a Parabita (provincia di Lecce). Fra le sue opere Storia di un metronomo capovolto (2007), con nota di Franco Battiato, eNefrhotel. Mi hanno venduto un rene (2011). Nel 2012 ha ricevuto il primo premio al concorso nazionale di drammaturgia contemporanea under 30 di Roma. Per le edizioni Besa-Controluce l’autore ha già pubblicato Un rumore di gabbiani – Orazione per i martiri dei petrolchimici (2008), con cameo filmico di Franco Battiato e prefazione di Caparezza, e Belli di papillon verso il sacrificio (2014).

 

29 SETTEMBRE 2017 ore 19.00 – SAN SEVERO – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “ANDREA PAZIENZA E L’ARTE DEL FUGGIASCO – LA SOVVERSIONE DELLA LETTERATURA GRAFICA DI UN GENIO DEL NOVECENTO” DI STEFANO CRISTANTE (MIMESIS, 2017). INCONTRO PRESSO LA LIBRERIA “ORSA MINORE”

Una novità di indubbio rilievo sarà presentata venerdì 29 settembre: si tratta di Andrea Pazienza e l’arte del fuggiasco – La sovversione della letteratura grafica di un genio del Novecento (Mimesis, 2017), saggio di Stefano Cristante. Professore associato in Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università del Salento, Cristante analizza da un punto di vista sociologico i personaggi più amati usciti dalla penna del disegnatore e approfondisce le molteplici e affascinanti implicazioni della narrativa a fumetti di Pazienza, ponendo l’accento sia sull’originalità del tratto, in grado di conciliare pop art e pittura classica, Moebius e Fremura, sia sulla sua capacità di scrittore, sempre sorprendente e tutt’altro che naïf.

01 OTTOBRE 2017 ore 19.30 – MONTE SANT’ANGELO – INCONTRO CON I POETI ELIO PECORA, ROBERTO DEIDIER E ROSSELLA TEMPESTA. INCONTRO PUBBLICO PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE DI MONTE SANT’ANGELO

02 OTTOBRE 2017 ore 8.30 – SAN GIOVANNI ROTONDO – INCONTRO CON I POETI ELIO PECORA, ROBERTO DEIDIER E ROSSELLA TEMPESTA. INCONTRO CON GLI STUDENTI DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO “MELCHIONDA – DE BONIS”

Elio Pecora è nato a Sant’Arsenio (Salerno) nel 1936. Ha pubblicato raccolte di poesie, racconti, romanzi, saggi critici, testi per il teatro. Dirige la rivista internazionale “Poeti e Poesia”. Ha collaborato per la critica letteraria a vari quotidiani e riviste e al primo, secondo e terzo programma RAI.

Tra i suoi libri di poesia ricordiamo Poesie 1975-1995, Empiria 1997 e 1998; Simmetrie, Mondadori Lo Specchio, 2007; Nel tempo della madre, ed.La vita felice 2011.

Sue poesie sono apparse tradotte, fra altre lingue, in francese, inglese, rumeno, iugoslavo, arabo. Tre suoi libri di versi sono stati pubblicati in portoghese, in olandese e in inglese.

Ha curato, fra altro, Sandro Penna, Confuso sogno, Garzanti 1981; Antologia della poesia del Novecento, ed. Newton Compton 1990; La strada delle parole: poesie del Novecento per i bambini e i ragazzi delle scuole elementari, Mondadori 2003.

Di recente ha pubblicato Il libro degli amici con l’Editore Neri Pozza ed ha curato la cronologia documentatissima del meridiano Mondadori dedicato a Sandro Penna.

Roberto Deidier nasce a Roma il 31 agosto 1965.

La sua prima raccolta poetica dal titolo Il passo del giorno appare per le edizioni Sestante nel 1996.

Dopo una breve collaborazione con le università di Roma Tre, di Cassino e con l’Enciclopedia Italiana, nel 1999 Deidier passa stabilmente all’università di Palermo. Con l’amico editore e stampatore Gaetano Bevilacqua pubblica la sua seconda raccolta di poesie, Libro naturale. Successivamente le prime due raccolte saranno pubblicate in unico volume, per le edizioni peQuod, col nome Una stagione continua, al quale segue Il primo orizzonte per le edizioni San Marco dei Giustiniani.

Negli anni Duemila Deidier continua a pubblicare poesie in riviste, antologie, periodici e nel 2011 pubblica per l’editrice Empirìa, un singolare quaderno di traduzioni, Gabbie per nuvole, senza i testi originali a fronte: un viaggio sentimentale tra le poesie che sono state importanti nel suo percorso di formazione. Infine, nel 2014, il lungo silenzio editoriale è interrotto da Solstizio, che appare nella collana «Lo Specchio» di Mondadori. E’ il curatore dell’opera ominia, pubblicata da Mondadori, delle poesie di Dario Bellezza e del meridiano Mondadori dedicato a Sandro Penna.

Rossella Tempesta è nata a Napoli nel 1968. Si occupa di Poesia e Cultura anche promuovendone la divulgazione con eventi ed iniziative corali. Suoi testi ed interventi appaiono sulle riviste Poeti e Poesia, La Mosca di Milano, Graphie, ClanDestino, AttraVerso, Poesia, Il Filo Rosso, Farepoesia. Per la sua poesia ha ricevuto i premi “Dario Bellezza”, “Salvatore Quasimodo”, “Miramare Poesia””Hostaria dal Terzo”, “Sandro Penna”. Ha pubblicato: 1999 Dolce domenicale a Gennaio plaquette autoprodotta con il pittore Davide Frisoni di Rimini; 2000 Alla tua porta prefato da Davide Rondoni, Walter Raffaelli Editore Rimini; 2007 Passaggi di Amore prefato da Elio Pecora, Edizioni della Meridiana, Firenze; 2008 in antologia Vicino alle nubi sulla montagna crollata a cura di Enrico Cerquiglini, Campanotto, Udine; 2009 silloge Tutto, e la rivoluzione nell’antologia Le amorose risonanze a cura di Mario Fresa, L’Arcafelice; 2009 in antologia Garzantina degli Scrittori inesistenti a cura di Aldo Putignano, Boopen Led, Pozzuoli; 2009 L’Impaziente prefato da Chiara De Luca, Boopen Led, Pozzuoli; 2011 Libro Domestico, con una nota di Rodolfo Di Biasio, Ghenomena,Formia. E’ presente nell’antologia Nuovi Poeti Italiani n. 6, a cura di Giovanna Rosadini, Einaudi 2012.

IN COLLABORAZIONE CON: ASSOCIAZIONE CULTURALE “RHYMERS’ CLUB”; FESTIVAL DAUNIAPOESIA; JUNNO. PICCOLO FESTIVAL DEL RIONE; COMUNE DI MONTE SANT’ANGELO; BIBLIOTECA COMUNALE DI MONTE SANT’ANGELO; COMITATO FESTA PATRONALE SAN MICHELE ARCANGELO; LICEO “MARIA IMMACOLATA” DI SAN GIOVANNI ROTONDO; ISTITUTO COMPRENSIVO “MELCHIONDA – DE BONIS” DI SAN GIOVANNI ROTONDO; ASSOCIAZIONE CULTURALE PROVO.CULT E LA LIBRERIA ORSA MINORE DI SAN SEVERO.

L’iniziativa è promossa dalla Regione Puglia, Assessorato all’Industria Turistica e Culturale, in collaborazione con l’Associazione Presìdi del Libro.

MARA DE FELICI – SAN GIOVANNI ROTONDO

RAFFAELE NIRO – PRESIDIO DEL LIBRO DI SAN SEVERO

 

Concorso “Monte in fiore” | Cerimonia di premiazione

monte in fiore locandina premiazione

Con la cerimonia di premiazione del concorso “Monte in fiore” si conclude la seconda edizione di “Junno. Piccolo Festival del Rione”, il festival che vuole generare gesti d’amore nei confronti di questo luogo, dei suoi abitanti e di tutti coloro che, pur non essendo residenti, lo hanno eletto a loro luogo della spiritualità.

Negli scorsi mesi il Festival ha portato nelle piazze del rione Junno di Monte Sant’Angelo la parola detta, la parola raccontata, la parola recitata e la musica, sempre con l’intento di valorizzare i beni immateriali che fanno di questo luogo un luogo d’elezione.

Sabato 23 settembre alle ore 20.30 ci sarà la cerimonia di premiazione del concorso “Monte in fiore”, il Concorso che ha favorito l’arredamento urbano floreale realizzato su un balcone, ballatoio, finestra, davanzale, terrazzo, vetrina o giardino privato fronte strada di qualsiasi genere e dimensione, e che ha contribuito a diffondere l’immagine di una comunità accogliente e fiorita, provando a migliorare, grazie al forte impatto estetico del “verde”, la qualità della vita di tutti.

Il Concorso, bandito dalle associazioni “C’era una volta…” e “Insieme per… Terra dell’Arcangelo” e gestito da Junno. Piccolo Festival del Rione, ha avuto moltissime adesioni, tutte adesioni motivate semplicemente dalla voglia di rendere più bella, gradevole ed ospitale la città di Monte Sant’Angelo e il suo territorio attraverso l’utilizzo dei fiori, e ne è la riprova il fatto che tutti i partecipanti non sapessero – in realtà lo scopriranno durante la cerimonia di premiazione – cosa avrebbero potuto vincere partecipando al concorso.

Scopriranno, dunque, che tutti i partecipanti avranno un premio e che i primi tre classificati ne avranno uno più sostanzioso. Tutti i premi consisteranno in doni messi a disposizione dalle ditte Casa Prencipe, Forno Bisceglia, Liviuccio, Orchidea, Fioreria Del Corso, Fioreria De Filippo e Fioreria Fischetti.

La cerimonia di premiazione, che sarà condotta da Enza Notarangelo e da Giuseppe Mazzamurro, sarà impreziosita dalle letture dei poeti montanari Giuseppe Prencipe, Filomena Taronna e Antonio Stuppiello, oltre che dalle magie musicali dei Rione Junno.